giovedì, agosto 6, 2020
Ultime notizie
Home » Documenti » Il carabiniere che bastonava il 3 luglio finisce in Costa Smeralda
Il carabiniere che bastonava il 3 luglio finisce in Costa Smeralda

Il carabiniere che bastonava il 3 luglio finisce in Costa Smeralda

Riportiamo un articolo tratto da NuovaSocietà in cui si parla del Carabiniere, appartenente ai Cacciatori di Sardegna, che durante gli scontri del 3 luglio picchiava selvaggiamente con un bastone alcuni manifestanti no tav.
Grazie al legal team no tav e all’operazione Hunter il soggetto è stato individuato come autore delle violenze, i PM con l’elmetto chiesero l’archiviazione del caso… ma a quanto pare per il bastonatore ora è stato affidato a una associazione, in Costa Smeralda…
Già, due pesi, due misure.

«No, Babbagia no. Almeno Potto Cervo, ma Babbagia no», pregava un Diego Abatantuono dei bei tempi quando, nella pellicola “Viuuulentemente mia”, nei panni di un poliziotto che non ne combinava mai una giusta, gli veniva predetto dai suoi superiori che sarebbe finito in Barbagia. Già, perché un tempo, quando la zona della Sardegna era casa del banditismo, gli anni di Graziano Mesina per intenderci, i poliziotti indisciplinati venivano destinati a presidiare le zone tra Orgosolo, Orune, Bitti, Desulo e gli altri paesi barbaracini.

Invece ora la Costa Smeralda è il luogo di punizione.
Avete capito bene. Proprio il territorio di Briatore e soci. Altro che banditismo. Ed è proprio in Costa Smeralda che potrebbe essere spedito il carabiniere accusato di aver picchiato un attivista No Tav, durante degli scontri intorno al cantiere di Chiomonte, in Val di Susa, il 3 luglio 2011.

Il militare, appartenente ai “Cacciatori di Sardegna”, venne identificato attraverso un video, per un tatuaggio che ha sul un braccio: una scritta particolare.
La difesa ora chiede con un’istanza che il carabiniere venga messo in prova, in affidamento ad un’associazione della Costa Smeralda, che si occupa di assistenza alle persone disagiate e malate.
Alla parte lesa invece andrebbe un risarcimento di 1.500 euro, che però sono già stati rifiutati dall’avvocato di parte civile Claudio Novaro: «La proposta è insufficente visto che quell’episodio è stato rubricato come lesioni ma potrebbe tranquillamente rientrare nell’alveo dei trattamenti disumani e degradanti». Al giudice del tribunale di Torino la decisione: il 15 luglio.

Commenti chiusi.

Scroll To Top