sabato, luglio 20, 2019
Ultime notizie
Home » News » Sole e Baleno vivono nelle lotte! Noi non dimentichiamo…
Sole e Baleno vivono nelle lotte! Noi non dimentichiamo…

Sole e Baleno vivono nelle lotte! Noi non dimentichiamo…

“Ci vogliono morti perché siamo i loro nemici e
non sanno cosa farsene di noi perché non siamo i loro schiavi.”

Sole

Il 5 marzo 1998 vengono arrestati tre anarchici che vivono nella Casa occupata di Collegno: Silvano Pelissero, 36 anni, Edoardo Massari, detto Baleno, 35, Maria Soledad Rosas (Sole), argentina di 23 anni.

L’imputazione di banda armata, poi tramutata in associazione sovversiva con finalità di terrorismo, è relativa ad azioni di sabotaggio contro il Tav in Val di Susa.

Si potrebbe liquidare la vicenda come un semplice errore giudiziario, se non fosse che Pelissero ne uscì distrutto e se non fosse per un altro aspetto ancor più drammatico: Edo viene trovato agonizzante all’alba del 28 marzo, impiccato nella sua cella del carcere torinese Le Vallette. Sole si suicida l’11 luglio nella comunità dove è detenuta agli arresti domiciliari.

Le accuse in primo grado erano state sollevate dai Pubblici Ministeri Maurizio Laudi e Marcello Tatangelo.

Sono trascorsi tanti anni da allora, ma vi è un tragico, inquietante, ripetersi di eventi.
Ora come allora, chi si oppone al sistema TAV è accusato di essere un terrorista.
L’impianto teorico è sempre lo stesso: dietro la lotta contro il treno inutile si nascondano finalità eversive. i
In questo modo si inizia e si prova a giustificare un accanimento giudiziario repressivo per annientare un Movimento popolare che però spaventa i poteri forti.

Al tempo le prove granitiche della procura furono smentite dalla Cassazione, ma accadde troppo tardi, oggi il teorema Caselli, viene respinto e il reato di terrorismo annullato…ma non bisogna abbassare la guardia.

Noi non dimentichiamo, nulla…e continuiamo la nostra lotta anche per Sole e Baleno!

Commenti chiusi.

Scroll To Top