Ultime notizie
Home » Scrivere ai detenuti
Scrivere ai detenuti

Scrivere ai detenuti

Perché scrivere a chi è recluso.

Il tempo può essere un castigo quando si viene privati della libertà di disporne a piacimento, quando lo stato rinchiude qualcuno in una cella e lo priva dei suoi rapporti e si prende un pezzo della sua vita.

Può essere una prova molto dura, a maggior ragione quando ad affrontarla si è da soli. Ricevere solidarietà dall’esterno infonde una forza che può fare la differenza. Cominciare uno scambio di lettere può anche alleviare la solitudine della cella e fare sentire ad una persona che non è sola.

Che sia un telegramma, una cartolina o una lettera ogni contatto con l’esterno è una piccola breccia nell’isolamento a cui vorrebbero condannare i reclusi e le recluse. Oltre a queste considerazioni, c’è il fatto che intrattenere una corrispondenza con un recluso è spesso uno spunto di crescita personale e una bella esperienza.

Cosa scrivere.

Può non essere semplice scrivere una lettera a qualcuno che non si conosce, in molti ci troviamo spesso davanti alla difficoltà di scrivere qualcosa che non sia banale o stupido di fronte alla situazione sicuramente grave di chi sta scontando un periodo di reclusione.

Tuttavia non bisogna dimenticare che chi è in carcere è una persona come noi e spesso la cosa più semplice da fare è iniziare presentandosi e spiegando i motivi che ci hanno spinto a scrivere. Se non si ha nulla da scrivere un disegno o un collage può essere comunque un modo per trasmettere ciò che non si riesce a trasmettere a parole, oppure si può inviare un libro, informandosi prima sulle regole che vigono in ogni carcere, ad esempio in alcuni non possono entrare le copertine rigide o i testi sottolineati.

Per permettere alla persona di risponderci è importante indicare il mittente sulla lettera. E’ anche buona norma mettere la data in cui la lettera è stata inviata. E’ un bel pensiero inoltre allegare un francobollo all’interno della busta, dato da specificare nella lettera in modo che nessuno prelevi il bollo senza che ce ne si accorga.

Bisogna poi tenere conto che ciò che si scrive a chi sta in carcere viene con molta probabilità letto anche dalla polizia interna, quindi è meglio di evitare di scrivere qualunque cosa che possa tramutarsi in un problema per se stessi, altri o per la persona a cui si scrive.

Se non riceviamo risposta

A volte può capitare che di non ricevere risposta dalle persone a cui si è scritto. Non prendiamocela. I motivi possono essere tantissimi: da un disguido delle poste alle guardie che trattengono le lettere, può essere anche che il detenuto in questione abbia molte lettere a cui rispondere e che ci vorrà del tempo prima che riesca a rispondere a tutti.I motivi possono essere molti e in ogni caso non c’è motivo di prendersela.

A chi scrivere.

Scrivere a qualcuno dentro è un impegno che può sembrare da poco ma che una volta preso va mantenuto, quindi è meglio non sovraccaricarsi di lettere a cui rispondere se non si ha la certezza di mantenere nel tempo i contatti.

A breve inseriremo un elenco di detenuti, con i loro nomi, gli indirizzi delle carceri in cui sono reclusi e qualche parola sulla loro vita.

Alcuni indirizzi di detenuti in ordine alfabetico:

  • Abram Alessio - C.C. di Montacuto cp 34, piazza 24 Maggio – 60100 Ancona @ UPDATE 14/01/2016
  • Alberti Lucio - Casa Circondariale - via Cassano Magnago 102 - 21052 Busto Arsizio (VA) @ UPDATE 26/07/2015
  • Alberto Claudio - Ai domiciliari @ update 23/12/2014
  • Alfieri Maurizio - C.C + Casa di Reclusione - via Camporgnago 40 - 20090 Opera (MI) @ update 15/02/2015
  • Algardi Edoardo - C.C. San Vittore - Piazza Filangieri 2 - 20123 Milano @ UPDATE 17/11/2015
  • Altoè Daniele - c/o CASA CIRCONDARIALE - Via Maria Adelaide Aglietta, 35 – 10149 Torino @ UPDATE 30/11/2016
  • Anela Paolo - c.c. via Casale 50/A - 15122 S.Michele (AL) @ update 17/11/2014
  • Antonacci Adriano - Scarcerazione @ update 21/05/2015
  • Bernawi Akram - c.c. via Arginone, 327 - 44122 Ferrara (FE) @ update 03/03/2015
  • Blasi Niccolò - Ai domiciliari @ update 23/12/2014
  • Borja Marquerie Echave - Centro Penitenciario Madrid II - Carretera Meco, 5 - 28805 Alcalá de Henares, Madrid, España @ UPDATE 12/11/2015
  • Camenisch Marco - Strafanstalt Bostadel - Postfach 38 - CH-6313 - Menzingen (AG) - Svizzera @ update 17/11/2014
  • Carlos García Preciado - C.C. di Roma – Rebibbia - via Raffaele Majetti, 70 - 00156
  • Carmelo Musumeci - C. di Reclusione - via Due Palazzi 35 - 35136 - Padova (PD) @ UPDATE 18/08/2012
  • Carretto Erika - Ai domiciliari @ UPDATE 23/06/2015
  • Casalini Daniele - c.c. Via Don Bosco 43 - 56127 Pisa (PI) @ update 17/11/2014
  • Casieri Andrea - C.C. San Vittore - Piazza Filangieri 2 - 20123 Milano @ UPDATE 17/11/2015
  • Chmelar Lukas - C.C Santa Maria Maggiore - Sestiere Santa Croce 324 - 30135 Venezia (VE) @ UPDATE 29/08/15
  • Claudio Perrone - C.C. Strada S. Salvatore, 14/b - 01100 Viterbo @ 02/07/2016
  • Cospito Alfredo - c.c. via Arginone, 327 - 44122 Ferrara @ update 17/11/2014
  • Croce Mattia - Via Palosca 2- 26100 Cremona (CR) @ UPDATE 26/05/2015
  • Cugnaschi Marina - c.c. Bollate - via Cristina Belgioioso 120 - 20021 Milano
  • Delogu Davide - Casa Circondariale Contrada Piano Ippolito 1, 96011 Augusta (SR) @ update 14/05/2016
  • Desdemona Lioce Nadia - C.c. Via Amiternina - Località Costarelle di Preturo n. 3 - 67100 L'Aquila @ update 17/11/2014
  • Eddi Karim - C.C. via Del Coroneo, 26 - 34133 Trieste
  • Emmanuello Davide - c.c. Via dei meli n. 218 - 63100 Ascoli Piceno @ update 17/11/2014
  • Fabiani Michele - c.c. via Arginone 327 - 44122 Ferrara (FE) @ update 17/11/2014
  • Fadda Ivano - c.c. via Casale 50/A - 15122 S.Michele (AL) @ update 17/11/2014
  • Franco Pellegrino - C.C di Cuneo - Via Roncata, 75 - 12100 Cuneo @ UPDATE 04/09/2013
  • Funaro Alberto - uscito @ update 09/03/2015
  • Gai Nicola - c.c. via Arginone, 327 - 44122 Ferrara @ update 17/11/2014
  • Garau Michele - Localita' Quarto Inferiore, 266 - 14030 Asti (AT) @ update 17/11/2014
  • Gioia Francesco - c.c. Via Delle Macchie, 9 - 57124 Livorno (LI) @ update 17/11/2014
  • Giroldo Luigi - C.C. Lorusso e Cotugno - Via Maria Adelaide Aglietta 35 10151 Torino @ UPDATE 20/05/2015
  • Iacovacci Gianluca - arresti domiciliari @ update 18/06/2015
  • Juan Manuel Bustamante Vergara (Nahuel) - Centro Penitenciario Madrid V - Carretera M-609, km. 3,5. - 28791 Soto del Real, Madrid, España @ UPDATE 12/11/2015
  • Kuljit Tawari - Casa Circondariale "Ca del Ferro" - Via Palosca 2, 26100 Cremona @ UPDATE 20/10/2015
  • Lai Antonella - c.c. via Bartolo Longo - 00156 Roma Rebibbia @ update 17/11/2014
  • Lavazza Claudio - C.P. Teixeiro (MODULO 11) - Carretera Paradela s/n - 15319 Teixeiro-Curtis (A CORUÑA) - Spagna @ update 17/11/2014
  • Mangione Stefano - c/o CASA CIRCONDARIALE - Via Maria Adelaide Aglietta, 35 – 10149 Torino @ UPDATE 30/11/2016
  • Marco Pisano - Ai domiciliari @ UPDATE 23/06/2015
  • Matteo Maria Pascariello - Ai domiciliari @ UPDATE 22/06/2015
  • Mauro Renica - Ai domiciliari @ UPDATE 09/07/2015
  • Mazzarelli Graziano - Ai domiciliari @ UPDATE 27/05/2015
  • Milan Fabio - Via del Rollone 19 - 13100 Vercelli (VC) @ update 17/11/2014
  • Milan Paolo - C.C. Via Sforzesca, 49 - 28100 Novara @ UPDATE 16/06/2015
  • Operazione Pinata - Indirizzi degli arrestati durante l'operazione pinata in spagna @ UPDATE 25/05/2015
  • Pasquale de Feo - C.C. Località Su Pedriaxiu – 09170 Massama (Oristano)
  • Pittalis Antonio - c/o CASA CIRCONDARIALE - Via Maria Adelaide Aglietta, 35 – 10149 Torino @ UPDATE 30/11/2016
  • Puglisi Francesco - c.c. Roma Rebibbia - via Raffaele Majetti 70 - 00156 Roma @ update 17/11/2014
  • Rosci Davide - C.C. Castrogno, C.da Ceppata 1 - 64100 Teramo @ UPDATE 08/06/2015
  • Rossetti Busa Mauro - c.c. via delle Campore 32 - 05100 Terni @ update 17/11/2014
  • Ruggeri Silvia - c/o CASA CIRCONDARIALE - Via Maria Adelaide Aglietta, 35 – 10149 Torino @ UPDATE 30/11/2016
  • Sala Francesco - Ai domiciliari @ UPDATE 27/05/2015
  • Toshiyuki Hosokawa - C.C. Viale dei Tigli, 14 - 13900 Biella @ UPDATE 16/06/2015
  • Ventrella Andrea - C.C. Lorusso e Cotugno - via Maria Adelaide Aglietta, 35 - 10151 Torino @ update 26/11/2014
  • Zanotti Mattia - Ai domiciliari @ update 23/12/2014
  • Zenobi Chiara - Ai domiciliari @ update 23/12/2014

66 commenti

  1. ..ma gli indirizzi con “qualche parola sulla loro vita” ?
    Grazie ciao.
    Narce

    • hai ragione, ci siamo accorti della lacuna, stiamo pensando a come integrarli.

      • ma questo sito funziona ancora? vorrei interagire con una detenuta..

        • Si il sito funziona ancora :). Nel periodo estivo la trasmissione è purtroppo sospesa e anche i redattori non riescono a seguire il sito come vorrebbero. Tra gli indirizzi che trovi in questa pagina trovi anche quelli di alcune detenute. Occorre solo che tu gli scriva.

  2. Ciao sto intrattenendo una corrispondenza con un mio amico. Ma la situazione si fa pesante e vorrei interrompere la corrispondenza. Qualcuno di questo sito vorrebbe intrattenere una corrispondenza con il mio amico? È immigrato ha bisogno di supporto.

  3. lucrezia malatesta

    ma le lettere devono essere scritte a mano?

    • Le lettere possono esser scritte come preferisci.. a mano o con il computer.

      Tieni però conto che chi ti scrive dal carcere lo farà sempre a mano e dal suo tratto calligrafico emergeranno alcune informazioni sul suo stato d’animo e in generale sulla sua persona.

      Scrivere al computer nasconde un po’ della propria personalità e a volte può esser visto come un modo per mantenere una sorta di distanza.

      Ecco perchè si preferisce farlo a mano, si da la percezione a chi leggerà di essere più vicini anche se effettivamente non è indispensabile.

  4. lucrezia malatesta

    Grazie della risposta, ma ora ho ancora una domanda. La persona in questione a cui volevo scrivere è ora agli arresti domiciliari (con restrizioni), in attesa del processo. Che voi sappiate con le restrizioni è comunque possibile riceve e inviare lettere a casa del detenuto? Grazie ancora!

    • Ho chiesto ad un avvocato amico per poter essere un po’ più tecnico.

      Intanto ti rispondo in base alla chiacchierata telefonica che abbiam fatto: Tu spedendo la lettera non sei tenuta a sapere questa informazione. Sta nella responsabilità di chi è colpito da arresti domiciliari con restrizione sapere se può o non può avere comunicazioni e di che genere. In carcere tale restrizione è semplice da applicare, i secondini filtrano tutte le lettere, con i domiciliari il controllo diventa quasi impossibile.

      Generalmente le restrizioni che si applicano, perchè più verificabili con visite a sorpresa, sono quelle che permettono o no la visita di gente terza.

      La cosa migliore se conosci il nome del suo avvocato è che provi a cercare il suo numero di telefono, si trovano quasi sempre con una semplice ricerca su internet, così che possa risponderti conoscendo esattamente le carte.

  5. Se qualcuno ha lo status aggiornato a novembre 2014 vuol dire che è ancora lì dove si trovava o c’è la possibilità di scrivere a “nessuno”? Grazie 😉

    • Significa che non abbiamo avuto ulteriori aggiornamenti su suoi spostamenti. Quindi in teoria si trova ancora nel luogo segnalato.

  6. Buongiorno!
    sono sienna
    vorrei un’informazione in realtà molto banale, ma non sono certa di aver capito. Ciò che dobbiamo fare , in sostanza, è scegliere ” a caso” un nome ed indirizzo dall’elenco ed iniziare la corrispondenza chiedendo se vogliono diventare amici di penna?
    grazie, Sienna 🙂

    • Quella che proponi è una possibilità. Un’altra è scegliere in base ad affinità politica, in base a vicinanza geografica, in base al reato, in base alla nazionalità, insomma con il criterio che ritieni più giusto. Anche il caso è una possibilità. Per alcuni dei nomi elencati, si trova facilmente il tipo di reato commesso ed alcune loro lettere. Volevamo raccogliere almeno queste informazioni, ma al momento ci siamo arenati.

  7. Volevo chiedere un’informazione.. Salvo casi particolari si dovrebbe avere diritto alla posta: invece io ho scritto ad una persona detenuta (non di queste), c è stata una sola corrispondenza e poi mi è stato fatto sapere tramite un famigliare che non ha più ricevuto nessuna delle lettere che ho inviato 🙁 cosa si può fare per comunicare? Idee?

    • La penitenziaria nel carcere fa ciò che vuole. Non sono rari i casi in cui la posta viene censurata o mai consegnata per questioni tutte interne al carcere. Può essere anche solo antipatia, per non dover pensare a qualcosa di più grave.

      Non tratterranno la sua posta sempre allo stesso modo. L’unica è continuare a scrivere. Magari anche spedire più volte la stessa lettera(fotocopiandola prima di spedirla) se non si ha risposta nel breve periodo.

      Una cosa importante è appuntare nella lettera, intendo nel foglio dello scritto, la data di invio di questa e un numero sequenziale incrementale.

      Ad esempio: Alla prima lettera scrivi in alto: “Lettera del 14/11/2015 n.1 in risposta alla tua lettera n.X arrivata il 25.05.11”. Alla seconda: “Lettera del 15/11/2015 n.2, non ho ricevuto risposta alla lettera n.1”. Infine appuntarsi queste informazioni in un quadernino.

      Questa semplice burocrazia che dovrete effettuare insieme, permette ad entrambi di capire con che ritardi vengono consegnate le lettere, se le lettere vengono cestinate e nel caso intervenire con l’avvocato, mandare un Fax o una raccomandata con ricevuta di ritorno al boss del carcere o avvertire la garante regionale e nazionale dei detenuti.

      E’ anche importante nella corpo della lettera, segnalare il numero di fogli di cui è composta magari scrivendo a piè di pagina, se i fogli sono 2: “foglio 1 di 2” nel primo e “foglio 2 di 2” nel secondo. Questo serve a capire se la lettera arriva integra.

      In ultimo, sempre nel corpo della lettera, segnala anche eventuali foto/cartoline/francobolli/ecc.. allegati. Non è raro che vengano sottratte e il detenuto non lo venga mai a sapere.

      • Infatti sto insistendo.. Non ho la minima intenzione di lasciarmi intimidire o frenare da certe cose! Grazie mille! La data la stavo già mettendo, adesso metterò anche i numeri… Grazie ancora, anche di questa sensibilizzazione al tema che fate

  8. Salve…ho un dubbio magari stupido …idetenutovb visualizza il mio indirizzo di casa?

    • Se scrivi come mittente il tuo indirizzo di casa: certo. Generalmente per avere uno scambio epistolare è necessario un indirizzo a cui il destinatario può rispondere. E’ esattamente come la posta ordinaria.

      Se invece ti riferisci all’indirizzo email su questo sito, no. L’indirizzo è una formalità ed è privato.

  9. ciao a tutti sono un detenuto che sta scontando gli ultimi messi di condanna in domiciliare comunque quando ero in carcere di torino ho imparato ad apprezzare tutto sia la libertà,gli affetti e sopra tutto la vita. la verità e che per me era come una odissea senza itaca ” un mostro di cemento a la qual 3 paretti li contengono in piede: odio,disprezzo e invidia contengono in piede questo mostro di cemento poi ce l’altro muro che al arrivo della notte nella oscurità si scontrano i miei pensieri, un percorso pieno di sofferenza . ho imparato che ci sono tre cose nella vita che non tornano mai indietro come le parole, il tempo,le occasioni perse cosi capi che le persone esistono per essere amate,le cose esistono per essere usate cosi capisci che se ce tanto caos in questo mondo e perchè le cose vengono amate e le persone vengono usate, ho visto che la vita costa meno di niente. adesso voglio vivere ho trovato 3 cose dal valore immenso:la famiglia,l’amore,l’amicizia abbraccio la natura e ogni sua bellezza guardo verso casa perche la vita e un processo di costruzione la quale uno deve trovare un fondamento più stabile possibile , ce molto da raccontare ma meglio cosi per adesso continuate a scrivere in carcere quello che fatte e molto bello e so che chi riceve una lettera inaspettatamente fa battere il cuore al buio,grazie , Ivan.

    • Il padre del mio primo figlio è detenuto in carcere in Alessandria… Dovrei vederlo insieme a nostro figlio (carta d’identità del nostro figlio)…ma siccome sono anni che non lo vediamo… Mi fa un pochino …non so neanche io…stare male…in difetto perche poi io me torno a casa ..non saprei come comportarmi.(mi puoi dare un piccolo consiglio tu)..spero che lui come te, riesca a capire questi valori …soprattutto che torni ad amare e capire che il nostro bimbo (oramai 15 enne) può avere bisogno di lui…sei un grande se sei riuscito a superare tutto quell’inferno… Ora goditi la tua famiglia…ciao Francesca

      • Con estremo ritardo..

        Spero che l’incontro sia andato come speravi. Credo che non ci sia un comportamento giusto ed uno sbagliato. Il comportamento in questi casi è molto soggettivo. Magari cerca di avere il tuo comportamento abituale e di non accondiscendere a richieste che non vuoi/puoi mantenere. Non dare false speranze, non partire in quarta.

        Come fa capire anche ivan parlando delle lettere, qualsiasi evento che distoglie dalla routine del carcere è già di per se fatto piacevole che fa battare il cuore. Non c’è bisogno di strafare. 🙂

  10. salve, so che può sembrare una domanda strana ma un mio amico e in un carcere minorile… Vorrei tanto mandargli una lettera ma non so come fare…cioè sulla busta cosa scrivo ?

    • Scrivi le stesse cose come se stessi scrivendo una lettera da mandare a casa sua. L’unica cosa che cambia è l’indirizzo, deve essere quello del carcere minorile.
      Quindi supponendo che il carcere sia quello quello di Bologna e che il tuo amico si chiami Mario Rossi.
      Metti la tua lettera dentro ad una busta chiusa normale, da un lato della busta(quella senza la chiusura) scrivi:

      DEST:
      Mario Rossi c/o
      C.G.M. CENTRO GIUSTIZIA MINORILE DI BOLOGNA
      Via Del Pratello, 34
      40122 Bologna (BO)

      mentre dall’altro lato, scrivi l’indirizzo del mittente.. ovvero il tuo, così che possa risponderti.

  11. Grazie mille della risposta…saprebbe dirmi visto che è il carcere minorile di Milano se la fidanzata può fargli visita…lei essendo maggiorenne..

    • Tecnicamente possono accedere in carcere solo i parenti del minore, facendo una richiesta per inscritto al tribunale dei minori. Il tribunale nel tuo caso può decidere comunque, in base anche lo stato giudiziaro del tuo fidanzato(condanna definitiva o no, condotta, ecc.), di farti entrare. Potrebbe occuparsi della richiesta l’avvocato del tuo fidanzato, se non conosci chi è, chiedi ai suoi genitori o direttamente a lui tramite lettera. Le possibilità che la richiesta sia accettata sono basse, ma tentar non nuoce. Porta i saluti al tuo ragazzo.

      • Aiutatemi.
        Ho il mio ragazzo in carcere solo che non so in quale carcere sia, perche credo sia stato trasferito, potrei chiamare o mandare una lettera a diversi carceri per avere informazioni?

        • Il modo migliore per capire dove è stato trasferito il tuo ragazzo è quello di contattare i familiari(se è possibile) e/o l’avvocato del suo ragazzo. Se conosci anche solo in nome dell’avvocato puoi facilmente trovare il numero di telefono sulle pagine gialle. Altrimenti puoi provare a contattare telefonicamente il vecchio carcere ma non è detto che ti diano delle risposte. Non credo invece sia fattibile contattare telefonicamente tutte le carceri/sezioni maschili, in Italia sono più di 70. Per lettera è assurdo sia per i tempi che per le possibilità.

  12. Salve, una piccola premessa.. sono un ragazzo 30enne agli arresti domiciliari per il reato recidivo di “stalking” (telefonate, SMS e lunghe attese sotto casa della “vittima”) nei confronti della madre di mia figlia; “stalking”, se così si può razionalmente definire, finalizzato esclusivamente a vedere la mia bambina di tre anni che la donna mi ha ingiustamente e del tutto arbitrariamente negato per la terza volta in tre anni (per ben oltre la metà della vita di mia figlia) nonostante vigesse l’affidamento congiunto.
    Non mi reputo un delinquente per questo motivo e onestamente non mi condanno per le reazioni che ho avuto di fronte a delle enormi ingiustizie subite sia da me sia da mia figlia.
    Fatta questa breve premessa sottolineo che non scrivo la presente per cercare qualcuno che voglia corrispondere con me, bensì scrivo per chiedere se io stesso posso scrivere a un detenuto o se la mia fedina penale e la mia situazione costituiscono un impedimento (ho letto ad esempio su un sito che, se ho ben capito, se si hanno procedimenti pendenti o precedenti condanne penali non si possono fare visite a detenuti terzi).. immagino che agli arresti domiciliari, in cui teoricamente non si dovrebbe comunicare con nessuno compresi famigliari se non conviventi, io non possa nemmeno scrivere a un detenuto.. ma, siccome la misura cautelare cui sono sottoposto dovrebbe rapidamente perdere di efficacia mi chiedo se essa potrebbe essere comunque un ostacolo una volta esaurita.
    Mi piacerebbe scrivere a un detenuto perché la perdita della libertà è qualcosa di estremamente lesivo a prescindere dal reato commesso; io stesso seppur solo ai domiciliari ho vissuto e vivo in uno stato di costante “claustrofobia psicologica” e non riesco a immaginare quanto difficile possa essere per chi si trova in carcere e magari con la prospettiva di restarci a lungo.
    Poi.. tutti hanno una loro storia e parlare fa bene..

  13. In particolare sono rimasto molto scosso dalla vicende del piccolo Loris Stival.. e seppur possa sembrare strano dall’esterno vorrei poter scrivere a Veronica Panariello; questa donna credo che si trovi a vivere in un vero e proprio inferno in terra.. sia nella sua anima sia all’esterno.. e anche se, come sembra, si è macchiata di un simile peccato.. è pur sempre un essere umano e io credo fortemente nel perdono e nella riabilitazione sociale.
    Per questo vorrei scrivere proprio a lei e chiedo se, secondo chi modera questa pagina, potrebbe essere in linea teorica possibile !? E non solo per la mia situazione -come spiegato nel precedente post- che presto andrà a definirsi ma anche rispetto alla situazione della Panariello stessa, bel più complicata.

    • Se lei non ha delle limitazioni riguardanti la corrispondenza allora è libero di scrivere a chi preferisce tenendo sempre presente che la posta, molto probabilmente, sarà letta in uscita e in entrata.

      Ci sono dei però.

      Se la persona colpita da una pena scrive ad una altra, legata al reato per cui è stato punito, il giudice di sorveglianza può ritenere il fatto “pericoloso” o segno di non ravvedimento e può applicare nei confronti dello scrivente delle pene più aspre(come la detenzione o l’applicazione di restrizioni particolari); o a causa di questi contatti, può capitare che il giudice decida di non interrompere anticipatamente i domiciliari pur essendoci gli estremi per poterlo fare.

      La stessa cosa, a dire il vero, può capitare anche se con delle probabilità minori, nel caso in cui si scriva a delle persone colpite da pene non legate al proprio reato.

      Questa arbitrio del diritto è spiegabile con il concetto di “pericolosità sociale” che come posso lasciare immaginare ogni giudice amministra come più ritiene giusto.

      Non sto cercando di farla desistere dal suo intento, ma semplicemente sto cercando di metterla a conoscenza anche di quelle che sono rare evenienze in modo che possa prendere le sue decisioni serenamente.

  14. Un ragazzo accusato di Violenza Sessuale, seppur ingiustamente , può ricevere lettere o i secondini le filtrano? è in carcere .

    • Tutte le lettere possono essere lette, censurate(a volte per richiesta di un giudice) o cestinate, buttate per spirito vessatorio dei secondini.

      Comunque sono pochi i casi in cui un detenuto non può ricevere lettere. E di solito è un provvedimento che viene preso da un giudice per brevi periodi di tempo.

      Se per caso si spedisce una lettera a chi non la può ricevere, la maggior parte delle volte viene conservata e consegnata in ritardo quando è possibile. A volte ritorna al mittente. Non c’è nessun pericolo nè per lo/la scrivente nè per il/la ricevente.

  15. fatemi sapere come contattare una detenuta..

  16. Vorrei solo ringraziarvi per il servizio che offrite, è qualcosa di immenso. Ho sempre avuto a cuore la questione “carcere” e ora, da quasi un anno ho vissuto in modo diretto l’esperienza della detenzione a causa di un parente stretto che sta scontando una pena. Non mi sono mai sentita all’altezza di dare sostegno ad un detenuto, comprendendo la forte complessità di tale condizione, ma ora che sto “vivendo” il carcere capisco che -se fatto con la massima serietà e integrità- ogni più piccolo gesto è fondamentale per migliorare la giornata di un ristretto e tergiversare toglie loro qualcosa d’importante, talvolta vitale.

  17. Ciao, vorrei sapere se è possibile scrivere a un detenuto 41 bis…

    • In regime di 41bis, tra le altre torture, è prevista una censura-restringimento nella consegna della posta. Questo non significa però che non è possibile scrivere a detenuti in questo regime. Come per gli altri regimi detentivi quindi è possibile però che la lettera non venga consegnata, che ritorni al mittente o che arrivi con ritardo. Purtroppo dipende molto da chi vaglia le lettere e da come il direttore del carcere intende il concetto di “censura-ristringimento”. In questo regime aumenta la probabilità di una di queste ipotesi. Non ci sarà comunque alcun problema legale per lo scrivente. Per saperne di più sul 41bis consiglio questo sito: https://paginecontrolatortura.noblogs.org/

      • Quindi non avrei problemi legali…. Mi interessa saperlo perché vorrei scrivere a un ergastolano condannato per mafia, anche se sarà molto difficile che riceva corrispondenza

        • Non c’è nessun problema a scrivere ad un detenuto in 41bis. Considera che la lettera verrà certamente aperta. Non è altrettanto certo che la lettera gli arrivi con normali tempistiche. Potrebbe non arrivargli affatto. I direttori dei carceri e i secondini applicano una totale discrezionalità in questo.

  18. Ciao, ma quando c è scritto
    @UPDATE e una data
    Come si fa a contattRe la persona, a quale indirizzo scrivo???
    Grazie
    Marti

    • Quando c’è scritto ‘UPDATE e data’ significa il detenuto è stato spostato dal luogo di detenzione precedente. Quella data è il giorno di aggiornamento dell’indirizzo quindi l’indirizzo dovrebbe essere corretto. La data dell’update viene anche comoda per poterla confrontare con altri indirizzari trovabili in rete e capire, in caso di indirizzi diversi, qual’è quello più aggiornato.

  19. È possibile scrivere lettere anche a detenuti minorenni?

  20. Salve a tutti e grazie in anticipo per il servizio meritevole di lodi che offrite. Ho saputo da poco che un mio vecchio compagno di scuola è detenuto e ultimamente mi è venuta voglia di esprimere la mia solidarietà e il mio affetto tramite una lettera. La domanda che vi pongo può sembrare banale o egoista, ma sono fiducioso in un vostro chiarimento. Il detenuto in questione ha un procedimento importante in corso con indagini e quant’altro in corso d’opera. Il fatto che io scriva e specifichi i miei dati ed il mio indirizzo, può in qualche modo arrivare all’attenzione degli inquirenti per approfondire un poco la mia situazione? Specifico che io sono totalmente estraneo alle ragioni della reclusione e la mia lettera ha puro carattere affettivo, ma oggigiorno, ahimè, sono sempre più sfiduciato nei confronti dello stato e di chi lo rappresenta. Quindi in sintesi, il semplice fatto che io contatti un detenuto può essere motivo per avviare anche la più banale indagine nei miei confronti?
    Fiducioso verso la vostra attenzione, invio i miei saluti.

    • Certezza assoluta non te la posso dare. 🙂 Sappi che siamo in tanti a scrivere ogni giorno, di più di quello che ci si aspetterebbe e tutti inseriamo il nostro indirizzo per farci rispondere. Mai quanto basta però. Io non mi preoccuperei in proposito soprattutto per posta di carattere affettivo.

      A me è capitato di scrivere lettere di solidarietà ad arrestati politici, quindi di carattere politico, e non ho mai avuto problemi.

      Ti devo ricordare però che la possibilità che una lettera venga aperta è notevole.

  21. dove posso trovare indirizzi di detenuti al 41 bis

  22. Buongiorno, vorrei sapere se conoscendo solo il nome di battesimo di un detenuto e il carcere nel quale è recluso ci sia qualche possibilità che la lettera lo raggiunga?!

    • Ciao Arianna, perdonaci l’enorme ritardo. Le lettere spedite in carcere non vengono accettate se non sono precise nel nome e cognome del destinatario, al contrario vengono rispedite indietro con la scritta “destinatario sconosciuto”. Questo può essere un problema che si riscontra spesso con detenuti stranieri che sono registrati con un nome ma che noi li possiamo conoscere con qualche sfumatura nella pronuncia. Non esiste in carcere un elenco pubblico consultabile dei detenuti presenti che ci possa guidare. L’esattezza del destinatario è fondamentale per fargli raggiungere la tua lettera, potresti farti aiutare da internet: spesso rimane traccia di qualche notizia che potrebbe tornarti utile tipo luogo dell’arresto, motivazioni, ecc. ecc….. Altrimenti confrontati con qualche associazione di volontari che lavorano con i detenuti di quel carcere, magari possono arrivare a darti maggiori informazioni, a volte è successo. Spero di esserti stato utile altrimenti riscrivici…

  23. Ciao. Tempo fa ho scritto a un detenuto 41 bis ma come immaginavo non ho ricevuto risposta. Volevo chiedere se forse è il caso di fare una raccomandata, cosa che sul momento non ho pensato di fare…

    • Ciao Maria Teresa, scusaci il ritardo. Scrivere ad un detenuto in 41 bis può essere davvero complicato, soprattutto se si trova ad avere ancora dei carichi pendenti, essere soggetto ad indagini, trovarsi applicato l’isolamento o essere sotto provvedimento disciplinare. Proviamo ad immaginare il percorso della tua lettera: parte dal tuo ufficio postale ed arriva al reparto del carcere dedicato alla corrispondenza. Arrivata lì non è consegnata direttamente al detenuto ma nei casi che menzionavo prima viene protocollata e consegnata una copia al magistrato competente come ad esempio il Dipartimento Anti-mafia (D.I.A.) che controlla che non vi sia nulla di illecito tra le righe. Magari tu hai scritto al carcere di Parma, ma quel magistrato è nel Dipartimento di Reggio Calabria…. Questo si ripete per ogni magistrato (possono essere anche più di uno) che ha interesse di indagine sul detenuto in questione. Una volta che ha superato questo controllo arriva al detenuto. La sua eventuale lettera di risposta subirà lo stesso calvario della tua. Chi è sottoposto al regime di 41bis è soggetto a censura sistematica della corrispondenza e dei contatti con l’esterno, tanto più se è stato da poco arrestato o sottoposto a questa forma di tortura chiamata “41 bis”. Il fatto di inviargli una raccomandata non velocizzerebbe questa procedura, ma tentar non nuoce. Prova a riscrivergli facendogli capire che è la seconda, terza, quarta, …. volta che gli scrivi. Potresti anche inserire all’interno della busta un francobollo per facilitare la sua risposta, ma ricordati di scriverglielo nella lettera così non glielo fanno sparire. Di solito una lettera è l’unico contatto che un detenuto ha con il mondo oltre quel muro (escluso chi è autorizzato al colloquio) ed è sempre un piacere rispondere. Vedrai che il tempo aiuta gli audaci! Spero di esserti stato utile e spero ancor più che riceverai la tua risposta….

      • Grazie moltissime per il chiarimento. Penso che forse la persona in questione oltre a trovarsi al 41bis e essere un “sorvegliato speciale” non abbia avuto molta voglia di rispondere, proprio a causa della sua difficile condizione…

  24. Salve vorrei sapere se si può scrivere a un detenuto (mio marito )anke se sto in una casa protetta con i miei figli vorrei sapere ke rischio o scrivendo a lui se il giudice l’assistenza sociale o nella casa protetta lo vengono a sapere grazie

    • Ciao Pina, non esistono restrizioni generiche alla corrispondenza con un detenuto salvo disposizioni del magistrato che può decidere particolari restrizioni come l’isolamento o il “visto censura”, caso quest’ultimo che non blocca ma filtra (o sbircia) nelle lettere ricevute dal detenuto. Il carcere è strutturato come diverse scatole una dentro l’altra, con i suoi diversi livelli di accanimento sulle persone recluse che si ripercuotono anche sulle loro famiglie. Ovviamente tutto sta nel contenuto della lettera che potrebbe in alcuni casi compromettere il detenuto o chi l’ha scritta nel caso fosse vista come utile ad indagini. Diverso è per una normalissima lettera che non dovrebbe comportare alcun rischio, ma bisognerebbe sempre valutare il contesto in cui nasce la tua domanda…. Sappi comunque che quasi tutta la corrispondenza da e per il carcere è soggetta a controllo. Per qualsiasi ulteriore chiarimento, non esitare a scriverci….

  25. Ciao.. vorrei sapere se le lettere vengono date hai detenuti stessi o lasciate anche hai compagni di cella.. grazie

    • Ciao Angela, per quanto riguarda la corrispondenza, in carcere il detenuto viene identificato con nome e cognome in modo inequivocabile, non tanto per dimostrare un maniacalismo verso la precisione piuttosto per avere il controllo delle informazioni e dei contatti da e per l’istituto di pena. Un reparto del carcere è dedicato allo smistamento della posta in entrata verso la sezione in cui debba arrivare. Nel caso non venga trovato riscontro con l’elenco dei detenuti presenti, la tua lettera non passerebbe questo primo “filtro” e ti tornerebbe indietro con la dicitura “destinatario sconosciuto”. La consegna della posta (che viene portata nella rispettiva cella) viene effettuata dall’agente di turno incaricato che identifica visivamente il destinatario, e nei casi di comunicazioni importanti o raccomandate al detenuto viene chiesto di firmare l’avvenuta consegna. Può avvenire però che in alcuni reparti a detenzione “attenuata” e quando il detenuto è conosciuto da tempo dagli agenti di custodia ci possa essere uno strappo alla regola, ma la prassi è quella che una lettera venga consegnata esclusivamente al detenuto destinatario. Nei casi in cui il detenuto si trovi fuori l’istituto di pena per motivi medici o processuali, la corrispondenza viene custodita nella sua casella di posta e consegnata al suo ritorno. Spero di esserti stato d’aiuto, altrimenti non esitare a scriverci…

  26. ciao quando una lettera arriva in carcere quanto tempo passa prima che venga consegnata al destinatario.grazie

    • Ciao Daniela, i tempi di consegna della posta in carcere possono variare secondo alcuni fattori come:
      – la dimensione o il peso della tua spedizione, cioè se si tratta di una lettera o di un libro e quanto tempo viene impiegato per essere controllato (tempi più lunghi se occorre un traduttore);
      – in che reparto si trovi il detenuto: se si trovi in un reparto comune, sia sottoposto ad “Elevato Indice di Vigilanza” con visto-censura, sia in 41bis, abbia ricevuto delle sanzioni disciplinari in isolamento o si trovi in infermeria;
      – quale giorno della settimana è dedicato alla consegna della posta nelle sezioni che varia da carcere a carcere.
      Tutti fattori, insomma, che vanno al di là della semplice consegna tramite postino. Alle volte viene data una sbirciatina veloce, su altre lettere invece ci si accanisce secondo capricci o regolamenti del personale di custodia….
      Di solito, entro una settimana, la tua lettera dovrebbe raggiungere il destinatario e tu ricevere risposta (se immediata) in uguale tempo. Per darti l’idea: una corrispondenza assidua con una persona detenuta in sezione comune, tra spedire e ricevere, è di circa tre settimane. Consiglio sempre di inserire un paio di francobolli per la risposta all’interno della busta e di comunicarlo sempre in calce alla lettera. Se non ricevi risposta ad una prima lettera né ad una seconda, ricordati di far capire a chi la riceve che è la tua terza, o quarta,…. in modo da creare una specie di numero progressivo nella vostra corrispondenza.
      Spero di esserti stato utile, altrimenti non esitare a riscriverci….

  27. Salve, ho provato a mandare tramite email la mia lettera all’email del carcere romano regina Coeli. Sai se in questo modo il destinatario riceverà la mia lettera ? E sa che giorni vengono consegnate le lettere ai detenuti? Grazie mille.

  28. Ciao, volevo fare una domanda, sto scrivendo a un detenuto della prigione di stato dell’Indiana, la prigione ha diverse zone, io non conosco il nome dell’ala in cui si trova conosco solo il nome della prigione e del detenuto, è sufficiente? E ancora, nella lettera faccio riferimento ad alcune ingiustizie del sistema giudiziario e carcerario relative alla sua pena, possono essere motivi di non consegna della lettera?

    • Ciao Arcadia,
      Il carcere statunitense a cui stai indirizzando la tua corrispondenza non deve essere molto diverso da quelli italiani, cioè dovrebbe avere un unico accesso identificato con indirizzo postale. La cosa fondamentale è scrivere correttamente il nome e cognome del detenuto. Ad esempio la C.C. di Rebibbia a Roma è estremamente vasta, nonostante ciò ha sempre e soltanto un unico collegamento col mondo esterno, indifferentemente dalla sezione in cui si trovano i vari prigionieri. Comunque, se mai dovessi sbagliarmi e ci possano essere diverse dislocazioni del penitenziario (anche se non credo), prova ad eseguire una ricerca in internet sull’istituto americano che ti interessa: spesso gli stessi siti istituzionali locali (come quelli del Dipartimento della Giustizia) ti possono guidare e dare risposte più esaustive.
      Il fatto di scrivere al detenuto denunciando irregolarità ed ingiustizie sul suo caso processuale e sulla sua situazione detentiva, potrebbe portare a ritorsioni verso il prigioniero come dispetti e cattiverie (metodi peraltro quotidiani in Italia) tra cui anche il disturbarne la corrispondenza. Se non si tratta di un prigioniero “politico”, quindi dove non vi sia un movimento di solidarietà pubblico che lo sostenga, ti converrebbe andarci piano con certi argomenti salvo che non sia lui ad accettarli con anche le possibili conseguenze. Non ti voglio scoraggiare ad affrontare a muso duro questi argomenti (peraltro al centro delle nostre lotte anti-carcerarie), forse si tratta solo di alcuni commenti scivolati arroventati tra le righe del foglio, ma sii consapevole del fatto che la corrispondenza può diventare punto di conflitto con l’amministrazione dell’istituto.
      Spero di esserti stato utile e tienici sempre aggiornati su come si evolverà la vostra situazione.
      Un abbraccio, Mattia.

  29. Salve!vorrei sapere come funziona con la email mio marito mi dice che mi manda email ed anche io li ho mandato lui dal maidiremail ed io pec con Aruba ma nn ci possiamo trovare i suoi non mi arivano e nemmeno i miei a lui vi prego chi mi puo aiutare a spiegarmi come rimanere in contatto con mio marito perche o due bambini piccoli che li manca il papà come l’aria;((( grazie!

    • Ciao Ana! Scusaci il ritardo. Intanto sarebbe importante sapere dove è detenuto tuo marito.
      E’ una assoluta novità che tuo marito possa mandarti delle mail, per quello che a noi risulta i detenuti non hanno accesso a internet, ma forse le cose stanno cambiando. Facci sapere dove si trova tuo marito così verifichiamo se possiamo darti una mano a ristabilire i contatti.
      A presto, Michele.

  30. Buonasera, non compaiono aggiornamenti agli indirizzi oltre il 2015. quindi in teoria sono ancora validi gli indirizzi scritti? Grazie!

    • Ciao Carla, l’indirizzario dei detenuti richiede uno sforzo organizzativo enorme per tenerlo aggiornato e non sempre riusciamo a farlo, tra scarcerazioni, pene alternative e trasferimenti. Nell’eventualità fossi interessata a scrivere ad alcuni prigionieri presenti in elenco, ti preghiamo di contattarci per verificare l’esattezza negli aggiornamenti più datati, grazie. Mattia

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Antispam * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Scroll To Top