Ultime notizie
Home » Archivio » puntata 4, stagione 2, 30 ottobre 2014
puntata 4, stagione 2, 30 ottobre 2014

puntata 4, stagione 2, 30 ottobre 2014

puntata n° 4 – stagione 2 – del 30 ottobre 2014

[4a puntata della 2a stagione]

Lettura di estratti di una lettera comunicato dal carcere di spoleto firmata da 70 detenuti e della lettera di Maurizio Alfieri sempre dal carcere di Spoleto. Notiziario: CIE, Bari: picchiato un immigrato albanese residente in Italia da 15 anni per essersi opposto alla deportazione. Le urla vengono sentite dalle altre persone in cella che accatastano e li incendiano e dalla mattina seguente incominciano uno sciopero della fame – MOS MAIORUM: L’operazione si è svolta dal 13 al 26 Ottobre, si trattava di un rastrellamento di migranti ordito a livello europeo per arrestare, controllare, raccogliere informazioni su centinaia di persone in rafforzamento delle politiche anti-immigrazione – MESSICO: Annunciata mediante comunicato la fine dello sciopero della fame dei compagni Abraham Cortes Ávila, Fernando Bárcenas, Carlos López, Mario Gonzales – CILE,Rancagua: Giovedì 16 ottobre, 25 secondini sono stati rinviati a giudizio per il reato di tortura dopo aver malmenato 57 detenuti del carcere di alta sicurezza. Il caso è venuto alla luce dopo che un video riprendeva la scena. – SUICIDI: Dal 16 al 20 ottobre 4 detenuti si sono tolti la vita nei carceri italiani, 114 morti in carcere di cui 36 per suicidio dall’inizio del 2014. – Sono 3752 gli anziani detenuti ancora in carcere perché ritenuti pericolosi. – MODENA: Come ciclicamente in altri luoghi di detenzione, torna di nuovo l’allarme tubercolosi – GIUSTIZIA: Congelato alla camera la proposta di legge che dovrebbe cancellare per i reati associativi l’ergastolo ostativo che impedisce di accedere a qualsiasi pena alternativa e che nega ogni beneficio penitenziario. – EVENTI: 5 Novembre presentazione a Modo Infoshock del libro “Andarsene dal carcere”scritto da Don Max Burgin, Giovanni Lentini, Michele Pontolillo, Vanessa Bevitori

Parliamo insieme a Paola Schipani volontaria del carcere di Arghillà di Reggio Calabria: Cos’è la vostra associazione e perché si occupa di carcere? Quale sono le attività che mettete in atto e promuovete all’interno del carcere? Quali sono i progetti? Dove prendete i libri? Avete una biblioteca? Com’è la situazione all’interno del carcere? Per l’invio dei libri, con dedica, scrivere a: Comunità di vita cristiana – Via Cimino 4 89125 – Reggio Calabria

Recensione del libro “Lettere dalla Locride” di Ilario Amendolia, edito da Sensibili alle Foglie. La mafia è lo stato. La frase non è vuota, ma esprime un concetto che l’autore descrive raccontando gli eventi di alcuni paesini calabresi.

Commenti chiusi.

Scroll To Top