Ultime Notizie

Il tumore

Diario

Negli ultimi mesi si sono moltiplicati gli attacchi a sfondo razziale. Insulti e aggressioni ai danni di stranieri stanno diventando episodi comuni nel paesaggio cittadino. Un giorno semplici minacce, il giorno dopo una testa rotta, e poi ancora il rogo di un campo Rom: così, come se fosse normale.
La propaganda dei gruppi leghisti o fascisti – ritenuta da molti marginale e folkloristica – sta facendo presa, trasformandosi in pratica diffusa e pericolosa.
Il tumore razzista produce metastasi, che rischiano di divenire incontrollabili.
Del resto, quando si fatica ad arrivare alla fine del mese, quando non ci si sente più a casa da nessuna parte, quando non si capisce bene cosa ci possa riservare il futuro, la propaganda razzista fornisce rassicurazioni a buon prezzo: la colpa di tutto è sempre degli ultimi arrivati, «che rubano donne, lavoro e sicurezza».
E mentre si scalda la guerra tra i poveri, i padroni ingrassano. Perché le paranoie razziste e quelle securitarie rimettono in riga tutti quegli stranieri – clandestini o regolari che siano – costretti a lavorare in condizioni di semi-schiavitù nei cantieri, nelle fabbriche, nelle case e per le strade della città. Le aggressioni di questi mesi, unite alle continue retate, allo spettro della clandestinità, ai titoli isterici dei giornali, alle politiche repressive degli amministratori comunali, convincono anche i più riottosi a lavorare duro e, soprattutto, in silenzio.
In tanti si dividono la responsabilità di questa situazione, oppure ne approfittano: politici di destra e di sinistra, questori e prefetti, industriali, malavitosi e piccoli imprenditori – italiani e stranieri.

Fermare il tumore razzista in città è urgente e necessario. E la prima cosa da fare per fermarlo è tappare la bocca a tutti quei gruppi che hanno fatto del razzismo il proprio cavallo di battaglia, il centro della propria propaganda.
Se i discorsi razzisti non sono più solo parole al vento, neanche i sinceri antirazzisti possono più limitarsi alle chiacchiere.


Nicio pace pentru rasişti

Scarica il volantino

Scarica il manifesto

macerie @ Febbraio 20, 2008

Spiacente, al momento l’inserimento di commenti non è consentito.