Ultime Notizie

Tomi trasferito a Bari

Diario

Nelle ultime settimane abbiamo raccontato della protesta di Tomi, ragazzo di origine algerine che vive da anni in Inghilterra e i cui documenti in Italia non sono validi. La validità o meno di un pezzo di carta, di cellulosa, i cui parametri cambiano di paese in paese, porta alla reclusione, così come è accaduto a lui.

Siamo arrivati al giorno di sciopero della fame numero 36, in città gruppi di solidali si sono mossi per organizzare presidi e proteste, fino ad arrivare dentro all’ufficio dell’assessora factotum Sonia Schellino per sputarle in faccia un po’ di responsabilità.

A quanto pare a certi personaggi che decidono sull’altrui sorte non piace ricevere pressioni da vicino e hanno pensato bene di tranciare i legami di solidarietà intorno a Tomi trasferendolo ieri in un’altra prigione per senza documenti, il Cpr di Bari Palese. Gli hanno tolto il telefono per interrompere anche le comunicazioni telefoniche, peccato che lui ricordasse a memoria il numero di telefono di alcuni compagni e compagne e ha riferito di ciò che stava avvenendo. Da che ha potuto capire, non può essere deportato il Algeria, deportazione che preferirebbe alla reclusione di sei mesi, perché, come spesso accade, le burocrazie dei due paesi non sono sulla stessa lunghezza d’onda. Così a Tomi sembra di essere in un limbo indefinito, la prigionia dovrà forse arrivare fino al termine amministrativo, data lontana e insopportabile solo al pensiero.

Intanto i solidali fuori non si sono fatti scoraggiare e si sono già messi in contatto con alcuni compagni pugliesi.

Chi lotta non è mai solo, neanche se trasferito.  

macerie @ Marzo 17, 2019

Spiacente, al momento l’inserimento di commenti non è consentito.