Ultime Notizie

Passo dopo passo

Diario, Torino domani

 torino_sgombero_carretti_di_porta_palazzo103930_640_ori_crop_master__0x0_640x360.jpg

La scena di un camion con ragno meccanico, cui due poliziotti municipali in motocicletta aprono la strada a sirene spiegate, è di quelle che non passano inosservate. In tanti l’avranno notato, ieri mattina, attraversare in tutta fretta le strade di Barriera di Milano e Aurora e fermarsi nei pressi di Porta Palazzo, davanti all’ex caserma dei Vigili del Fuoco su corso Regina Margherita.

Una sosta durata qualche ora, giusto il tempo di arpionare, distruggere e caricare su altri camion una cinquantina di quei carretti utilizzati tutti i giorni per trasportare le bancarelle del mercato. Vecchi e brutti come sono, mal si adattano ai progetti di rinnovamento che le autorità cittadine e alcuni grossi investitori hanno in serbo per Porta Palazzo, e infatti a pagarne lo smaltimento sembra sia stata proprio la nuova proprietà dell’ex caserma dei Vigili del Fuoco.

La distruzione dei carretti non ha comunque stravolto, nella giornata di ieri, il normale andamento del mercato: nel pomeriggio sui carretti rimasti sono stati caricati i banchi di frutta e verdura smontati, che riappariranno in Piazza nella notte pronti ad essere rimontati per un altra giornata di mercato. Una normalità destinata però a non durare a lungo, la gran parte dei banchi ortofrutticoli sono altrettanto vecchi e malmessi e il loro prossimo rinnovamento sarà, con ogni probabilità, l’occasione per selezionare i mercatari in grado di stare al passo con la trasformazione di Piazza della Repubblica in un enorme distretto alimentare street food. E anche nel quadrante opposto della piazza, a quanto pare, il rinnovamento dei banchi servirà a selezionare chi potrà continuare a vendere le scarpe a fianco del rinnovato Palafuksas.

Per il momento questa strategia sembra funzionare senza produrre particolari resistenze, forte come spesso accade della gradualità della trasformazione e della differenziazione degli interessi di chi è coinvolto in questo processo. Nei prossimi mesi tuttavia i nuovi padroni premeranno il piede sull’acceleratore del cambiamento e viene proprio difficile pensare che andrà loro tutto liscio.

Qui alcuni passati racconti sui carretti e su Porta Palazzo:

https://www.autistici.org/macerie/?p=33225

https://www.autistici.org/macerie/?p=33120  

https://www.autistici.org/macerie/?p=31921 

https://www.autistici.org/macerie/?p=31982 

macerie @ Ottobre 5, 2018

Spiacente, al momento l’inserimento di commenti non è consentito.