Ultime Notizie

Ultime e non ultime

Diario

L’eco del presidio sotto le mura del carcere probabilmente è stato sentito solo da Antonio, Silvia e Stefano poichè Daniele, dopo l’interrogatorio di garanzia, è uscito ai domiciliari. Non capiamo bene i colpi di testa della dottoressa Bianco, la stessa che ha ordinato l’arresto per i quattro compagni dopo pochi giorni si è resa disponibile a cambiare le misure. Così appena sarà completata e consegnata la documentazione delle case idonee anche gli altri tre compagni dovrebbero uscire dal carcere per essere rinchiusi ai domiciliari.

Questo non sposta il livello della rabbia, i compagni ai domiciliari potrebbero rimanere fuori dai giochi per un po’, mentre chi sta violando il divieto di stare in città ha una partita ancora da giocare.

Intanto vi riportiamo i messaggi di solidarietà arrivati da oltre il solito pezzo di città:

Scritte comparse nei quartieri ovest di Torino

img_6424.JPGimg_6426.JPG

Striscioni calati a Milano

img-20161130-wa0006.jpg

 img-20161130-wa0001.jpg

“Animi ribelli - spiriti gagliardi - fuori subito - domani è tardi”, striscione dalla curva del Masnada Dal Pozzo

animi-ribelli.jpg

Azione dedicata da Trento

image1.JPG

Qui un comunicato di solidarietà dai compagni di Cagliari.

 Infine le voci di alcuni compagni intervistati su Radio Blackout. I loro racconti intrecciano alla lettura delle carte uno sguardo più ampio, la messa al bando del picchetto avviene in un quartiere interessato da nuovi investimenti e processi di rigenerazione, gli arresti, i divieti di dimora, le minacce di sgombero si scontrano con persone disposte a reagire…

 

macerie @ Dicembre 5, 2016

Spiacente, al momento l’inserimento di commenti non è consentito.