Ultime Notizie

Rivolta e fuga a Pozzallo

Diario

Pozzallo

Domenica scorsa i reclusi del Centro di “primo soccorso e accoglienza” di Pozzallo (in provincia di Ragusa), un centinaio di tunisini appena trasferiti da Lampedusa dove erano sbarcati pochi giorni prima, si sono rivoltati contro la minaccia di un imminente rimpatrio.

La lista dei danni è veramente impressionante: impianto di videosorveglianza distrutto, porte divelte, vetrate interne ed esterne sfondate, uffici allagati con lance antincendio, armadi delle divise della Protezione Civile distrutti, materiale informatico e computer della Polizia distrutti, estintori, scheggie di vetro, pezzi di porta, gambe dei letti, mattoni, sedie, faretti, scarpe e rubinetti usati come armi e scagliati contro la polizia, cavi dell’impianto elettrico sradicati e usati come funi per calarsi giù dal tetto su cui i rivoltosi si erano asserragliati.

Alla fine, 70 prigionieri riescono a fuggire, 30 vengono ripresi immediatamente, 14 vengono arrestati. Alcuni poliziotti sono rimasti feriti e diverse aree della struttura sono inagibili. Guarda un’altra foto dei danni alla struttura, un’altra foto ancora, e il video della conferenza stampa dei Carabinieri.

macerie @ Agosto 22, 2012

Spiacente, al momento l’inserimento di commenti non è consentito.