Ultime Notizie

Parigi, Milano, Torino

Diario

Si aprirà domani, martedì primo dicembre, nelle aule del Tribunale di Parigi, il processo per il rogo di Vincennes. Rogo che è stato il culmine di una lotta durata sei mesi che ha fatto chiudere il Centro di detenzione più grande di Francia bloccando di fatto le retate a Parigi per una estate intera. Sarà una udienza abbastanza tecnica ma i solidali parigini hanno deciso di parteciparvi in massa comunque perché in aula ci sarà Nadir, l’ultimo dei ribelli ancora in carcere. Nadir, un giovanissimo algerino, era uscito dal Centro nel quale era stato trasferito dopo la distruzione di Vincennes prima che la polizia visionasse i filmati della rivolta e facesse partire i mandati di cattura. Latitante inconsapevole per un anno intero, è stato fermato nel giugno scorso durante una retata nel quartiere parigino di Barbès e solo allora, al momento dell’arresto, ha scoperto di essere ricercato per la rivolta. Ora è in carcere, in sciopero della fame.
Le prossime udienze - quelle durante le quali si discuterà davvero della sommossa e della distruzione del Centro - saranno presumibilmente a fine gennaio, e i compagni parigini vorrebbero prepararle lanciando una settimana di mobilitazione internazionale contro le espulsioni: ne riparleremo.
Ascolta la diretta realizzata da Radio Blackout con una compagna di Parigi:

Sempre domani, ma al Tribunale di Milano, proseguirà il processo contro i quattro arrestati di Corelli per i fatti del 7 novembre. I solidali invitano ad andare ad assistere in massa all’udienza (al terzo piano, prima sezione penale), mentre alla fine di quella precedente, lo ricorderete, gli avvocati avevano ricusato il giudice. Intanto, sempre a Milano, qualche giorno fa, ignoti hanno dato fuoco ad una sede della Sodexho – la ditta che fornisce i pasti ai Centri di Milano e di Roma –, facendo poi circolare questo scritto: «Nei Cie la polizia stupra e Sodexo sfrutta gli immigrati. Botte in piazza, fuoco ovunque. Incendiata Sodexo via Bernina Mi».
Ascoltatevi intanto una testimonianza registrata la settimana scorsa con un recluso di Corelli sui fatti del 7 novembre e, più in generale, sulla situazione del Centro milanese:

E per finire con questo martedì di processi, vi ricordiamo che sempre domani ci sarà a Torino un’udienza del processo per i fatti di piazza Rebaudengo del febbraio del 2008, quando alcuni antirazzisti andarono a sbeffeggiare un gruppo di leghisti in partenza per una manifestazione. Ne seguirono tre arresti, una lunga serie di iniziative di solidarietà e questo processo che avanza lentissimo, tra castronerie di Pubblici ministeri distratti e clamorosi colpi di scena.

macerie @ Novembre 30, 2009

Spiacente, al momento l’inserimento di commenti non è consentito.