6.4 Modificare il proprio GID

È evidente che il GID di riferimento di un utente è un valore che può cambiare se l’utente fa parte di più di un gruppo. Al momento dell’accesso al sistema all’utente viene assegnato il GID di default, quello contenuto nello user account, ma l’utente può cambiarlo, cambiando il gruppo corrente di riferimento con il comando newgrp (man page newgrp(1)).

____________________________________________________________________

Comando: newgrp
Path: /usr/bin/newgrp

SINTASSI  
$ newgrp [groupname]  
DESCRIZIONE

__________________________________________

In questo modo l’utente dichiara al sistema di essere considerato da quel momento in poi, come membro del gruppo groupname. Il cambiamento da un gruppo A ad un gruppo B può essere effettuato soltanto dagli utenti membri del gruppo B e/o dagli utenti che conoscono la password del gruppo B (ovviamente membri del gruppo A).

L’accesso al gruppo tramite richiesta di password per un utente non elencato in member_list (utente non membro del gruppo), ovvero la gestione delle password relative ai gruppi, può non funzionare a causa dello scarso interesse in tale caratteristica da parte delle varie distribuzioni di GNU/Linux. Infatti, l’idea di poter aggiungere una password ai gruppi, in modo che gli utenti estranei al gruppo che la conoscono possano essere considerati come membri del gruppo stesso (tramite newgrp) è piuttosto discutibile, poiché una password è “sicura” solo se conosciuta da una sola persona; nel momento in cui la stessa password è conosciuta da un gruppo di persone, la sua diffusione diventa (a causa della natura umana) incontrollabile. Ha poco senso pertanto fidarsi della presentazione di una password comune per l’accesso di un utente ad un gruppo.