5.8 Modifica del contenuto di un file

Esistono programmi, i text editor (editor di testo), che oltre a visualizzare il contenuto di un file generico, permettono di modificarlo. I text editor più utilizzati sono vi o vim (vi improved - che è la sua evoluzione) e emacs (man page vi(1) o vim(1) e emacs(1)).

____________________________________________________________________

Comando: vim
Path: /usr/bin/vim

SINTASSI  
$ vim [option] file  
DESCRIZIONE

Ulteriori informazioni possono essere ottenute direttamente da vim con il comando :help, che ha la seguente sintassi  
:help [subject]  
dove subject indica l’argomento di cui si desiderano ulteriori informazioni. L’elenco dei file relativi alla documentazione di vim può essere ottenuto con il comando  
:help doc-file-list  
____________________________________________________________________

L’editor vim ha caratteristiche diverse dipendentemente dal nome del comando utilizzato per lanciarlo. Possono infatti essere utilizati i seguenti comandi

Ad esempio, il comando

 
$ vi pippo  
carica in memoria il file pippo e ne visualizza una parte sullo schermo, che può essere scorsa con i tasti di sposamento del cursore. Quindi si può entrare nella modalità di modifica del file premendo ad esempio il tasto (insert) o (append). Dunque, una volta terminate le modifiche da apportare al file, si può uscire dalla modalità di modifica premendo il tasto . È possibile rendere permanenti le modifiche apportate, con il comando :w ed uscire da vi con il comando :q. Se il file pippo non esiste, al primo salvataggio (:w) ne viene creato uno.

____________________________________________________________________

Comando: emacs
Path: /usr/bin/emacs

SINTASSI  
$ emacs [option] file  
DESCRIZIONE_________________________________________________________________________________________

[da completare ...]

Per una spiegazione dettagliata delle numerose opzioni di entrambi gli editor menzionati si rimanda alle relative man page.

A parte i numerosi editor di testo con interfaccia grafica come SciTE (v. sez. ??), ne esistono anche altri per l’interfaccia carattere, tra i quali si possono menzionare nano e pico.

Per la cronaca va menzionato anche il comando ed che è un text editor che permette di interagire soltanto con una linea (alla volta) del contenuto del file da modificare, cioè un line-oriented text editor. Questo tipo di editor sono stati i precursori degli editor di testo utilizzati ad oggi, che permettono di interagire con intere porzioni del contenuto dei file.