4.11 La tabella dei filesystem /etc/fstab

La prima operazione di mounting dei filesystem è eseguita dal kernel, che “monta” automaticamente la root directory, cioè la radice del directory tree. Il mounting di questa directory è indispensabile per poter avviare il sistema. Quindi la procedura di avvio provvede successivamente a montare gli altri filesystem indicati nel file /etc/fstab (man page fstab(5)) (filesystem table) che contiene le relative impostazioni per il mounting. Tale file è in formato testo e le righe al suo interno hanno la seguente sintassi:

 
fs_spec fs_file fs_type mount_option freq stage  
dove

L’ordine delle righe contenute nel file /etc/fstab è importante poiché i comandi fsck, mount e umount scandiscono le righe contenute in tale file dalla prima all’ultima.

Un esempio del contenuto del file /etc/fstab è riportato di seguito.

LABEL=/                 /                       ext3    defaults        1 1
LABEL=/boot             /boot                   ext3    defaults        1 2
none                    /dev/pts                devpts  gid=5,mode=620  0 0
none                    /proc                   proc    defaults        0 0
none                    /dev/shm                tmpfs   defaults        0 0
/dev/hda5               swap                    swap    defaults        0 0
/dev/cdrom              /mnt/cdrom              iso9660 noauto,owner,kudzu,ro 0 0
/dev/hda1               /mnt/windows            vfat    defaults        0 0
/dev/fd0                /mnt/floppy             auto    noauto,owner,kudzu 0 0
Una volta inserita la relativa riga nel file /etc/fstab, è possibile montare un filesystem indicando soltanto il relativo mount-point. Ad esempio, facendo riferimento al contenuto del file /etc/fstab precedentemente riportato, il comando  
# mount /mnt/floppy  
monta il filesystem relativo al dispositivo /fev/fd0 con le opzioni -t auto -o noauto,owner in maniera equivalente al comando  
# mount -t auto -o noauto,owner /dev/fd0 /mnt/floppy