11.3 X Display Manager

Il server grafico di per sé non gestisce l’autenticazione degli utenti, ma mette a disposizione dell’utente che lo lancia, un’infrastruttura per la gestione dell’interfaccia grafica. Esiste comunque la possibilità di poter effettuare l’autenticazione dell’utente (ovvero l’accesso al sistema) direttamente per mezzo dell’interfaccia grafica. Questo è possibile per mezzo di opportuni programmi con interfaccia grafica che, come login, si preoccupano di richiedere le credenziali di accesso all’utente che vuole accedere al sistema.

Quando GNU/Linux viene avviato in modalità grafica (runlevel 5), viene lanciata da init l’applicazione che permette di effettuare il login (accesso al sistema) per mezzo dell’interfaccia grafica: xdm (X display manager - man page xdm(?)). Il processo xdm, che comunica con il server X, tramite il protocollo XDMCP (X Display Manager Control Protocol), si prenderà cura di visualizzare una finestra in cui l’utente può digitare il proprio username e successivamente la propria password per effettuare il login.13

____________________________________________________________________

Comando: xdm
Path: /etc/X11/xdm

SINTASSI  
# xdm option  
DESCRIZIONE

________________________________________________________________________

xdm viene generalmente lanciato in esecuzione tramite un’apposita direttiva contenuta nel file /etc/inittab, come quella seguente

 
x:5:respawn:/etc/X11/prefdm -nodaemon  
Il file /etc/X11/prefdm è uno script che contiene le istruzioni per l’avvio del display manager desiderato. Ogni desktop environment in genere ha un proprio display manager che rimpiazza xdm. Ad esempio KDE e GNOME forniscono i relativi display manager denominati rispettivamente kdm (KDE display manager) e gdm (GNOME display manager).

Il comportamento di xdm risente delle direttive contenute nei file di configurazione relativi, di seguito riportati:

[da completare ...]