9.1 L’orologio di sistema

Il sistema è in grado di gestire l’ora corrente della zona del mondo in cui si trova il computer sul quale esso è installato. A tal fine, tutti i computer sono dotati di un orologio interno detto anche RTC (Real Time Clock) che tiene la data e l’ora del sistema. Tale dispositivo è generalmente integrato sulla motherboard ed è alimentato da una batteria in modo tale da continuare a funzionare anche quando il PC è spento.

La gestione del RTC può essere effettuata secondo due modalità differenti:

Nella gestione dell’orario di un PC sono usuali le indicazioni CET (Central Europe Time) e CEST (Central Europe Summer Time).

Il sistema si aggiorna all’ora mantenuta dal RTC soltanto al suo avvio e mantiene un proprio orologio interno separato dal RTC. Quindi si distingue tra un hardware clock, ovvero il RTC (denominato talvolta impropriamente orologio del BIOS o orologio CMOS) ed un software clock (detto anche orologio di sistema o system clock), quello gestito internamente dal sistema operativo, aggiornato al suo avvio con la data e l’ora mantenuta dal RTC (il software clock smette di funzionare quando il PC viene spento).

Una definizione imoprtante quando si ha a che fare con le date, è quella di epoch, ovvero l’anno dal quale si intende inizare il conteggio degli anni con soli due cifre. Per stabilire infatti a che anno si riferisce l’indicazione a due cifre “37” (1937 o 2037 ?) il sistema si basa sull’epoch: se le ultime due cifre di epoch sono inferiori all’indicazione dell’anno a due cifre (in questo caso 37), allora la data si riferisce al secolo 1900, altrimenti si riferisce al 2000. Dunque, ad esempio, se epoch è impostato a 1952, 37 si riferirà al 2037, mentre se epoch è impostato 1923, 37 si riferirà al 1937.

[da completare ...] (man page setclock (/usr/sbin/setclock)) [da completare ...] (man page timeconfig (/usr/sbin/timeconfig))

(controllare che siano valide anche per altre distribuzioni)


  9.1.1 Impostazione della data/ora del sistema
  9.1.2 Il calendario