No al DRM!

Raccogliamo qui di seguito il materiale che abbiamo raccolto riguardo il DRM e i pericoli da esso derivanti. Parte del materiale è stato stampato e distribuito nel centro di Torino domenica 17 dicembre in una campagna di informazione e sensibilizzazione sul tema dei diritti digitali.

Risorse

L’associazione no-profit Defective by Design ha indetto, per il 3 ottobre, una giornata mondiale di mobilitazione contro le tecnologie DRM (Digital Rights Management) che sono sempre più frequentemente incluse, a insaputa dei consumatori, nei dispositivi elettronici di ogni tipo: personal computer, lettori MP3 (Apple iPod, Microsoft Zune), lettori DVD, videoregistratori digitali, etc. etc.

Le tecnologie DRM sono altamente lesive per la libertà di pensiero e per la libera circolazione della cultura, in quanto mettono l’acquirente legittimo di film, musica e software nella condizione di dipendere totalmente dalle scelte arbitrarie delle multinazionali, dopo aver comprato un prodotto.

Un esempio? Se comprate materiale protetto da DRM, potreste non essere più in grado di fruirne tra un anno, oppure doverlo ricomprare quando cambiate computer, oppure essere costretti a comprare software o hardware propietari per centinaia di Euro, semplicemente in quanto la casa madre ha deciso in tal senso.

Facciamo un esempio: voi comprate un’automobile da 150 cavalli, pagandola il giusto prezzo. Sei mesi dopo, la casa produttrice vi telefona e vi informa che la vostra automobile da domani avrà soltanto più 100 cavalli e che passerà un tecnico in giornata ad applicare un limitatore alla centralina. Inoltre, sempre da domani, la vostra auto non sarà più in grado di circolare sulle autostrade di una data società, causa dissapori con la casa produttrice. Se una cosa del genere vi sembra assurda e completamente fuori dal mondo, beh ricredetevi, perché nel campo informatico e degli audiovisivi sta accadendo esattamente questo.

Altri effetti del DRM saranno il completo annientamento del software libero (in quanto intrinsecamente non in grado di supportare tali tecnologie) e dei piccoli produttori di hardware e software (in quanto non in grado di pagare le royalties necessarie per riprodurre i contenuti protetti), a vantaggio delle multinazionali. Inoltre verrà ucciso il diritto alla libera circolazione della cultura e delle idee. Per esempio, se voi siete Italiani e volete approfondire la vostra conoscenza sulla cultura Cinese, Araba o anche soltanto Francese o Tedesca, rischiate di non poterlo fare, perché le multinazionali degli audiovisivi possono imporre arbitrariamente che, se ordinate CD o DVD da un paese che non è il vostro, voi non siate in grado di riprodurli.

Il 3 ottobre, dunque, è la giornata in cui si deve informare tutti, anche e soprattutto i non addetti ai lavori in campo informatico, di questa brutale aggressione ai nostri diritti fondamentali perpetrata, con il benestare dei governi, da parte delle multinazionali dell’entertainment e del software.

Per maggiori informazioni sul Trusted Computing e sul DRM, consiglio di consultare il sito no1984.org (in italiano).

[via Crv§ader//ky]

Suggerisco anche i seguenti siti per farsi un’idea chiara sui sistemi di DRM e più in generale sul TC:
-L’archivio di “La spina nel fianco
-Oceani digitali

Immagina di non poter guardare il dvd delle tue vacanze a casa di amici… perchè il dvd è autorizzato ad essere riprodotto su un solo lettore. Immagina di non poter prestare dei brani acquistati su Internet… perchè i file possono essere letti solo su un solo dispositivo. Immagina di non poter usare i tuoi dati perchè non puoi permetterti la nuova versione di un programma… e la versione precedente è stata arbitrariamente bloccata. Immagina di non poter spostare i tuoi dati da un computer all’altro… perchè essi sono stati autorizzati (da un estraneo) per l’uso su un solo elaboratore. Immagina di non poter usare il tuo computer… perchè il produttore ha deciso in maniera arbitraria che è obsoleto. Immagina di non avere scelta.

it/nodrm.txt · Ultima modifica: 2012/10/05 22:27 (modifica esterna)
Creative Commons License Driven by DokuWiki Valid XHTML 1.0