venerdì, febbraio 22, 2019
Ultime notizie
Home » Archivio per il tag: opzione zero

Archivio per il tag: opzione zero

Abbonati ai Feed

I sindaci scrivono a Delrio e Foietta: “Al tavolo si parli di dati e non di compensazioni”

sindaci no tav-2

Ieri dopo lunghe discussioni interne i sindaci han concordato una risposta inviata, come Unione montana Valle Susa, al Ministro Delrio e al Commissario Foietta per portarli a conoscenza dei loro dubbi e delle loro critiche al tavolo governativo in cui nè Foietta (sulla cui figura le perplessità abbondano) nè il ministro vogliono parlare di “opzione zero”. Ministro e commissario vorrebbero un tavolo ... Continua a leggere »

Delibera di Bussoleno: no al tavolo con Foietta se non c’è l’opzione zero

voto bussoleno

da Valsusaoggi.it a cura di FABIO TANZILLI E CORINNE NOCERA ORE 22.30 / BUSSOLENO – Delibera unica dopo mezz’ora di consultazioni fuori dalla sala consigliare, e la maggioranza e minoranza votano uniti contro la Tav. Si evita così la spaccatura tra Movimento No Tav e sindaci. Il consiglio comunale l’ha votata all’unanimità. Si aggiunge una frase, in cui si “Chiede ... Continua a leggere »

Il PD tira le orecchie a Plano e Beccaria: “Sul TAV nessun voto con M5S e nessuna opzione zero”

plano-beccaria

TORINO – Questa sera, giovedì 10 dicembre,  si è riunito il PD a livello provinciale per discutere la posizione di alcuni amministratori che in questi giorni si sono esposti su posizioni No Tav che nel partito sono state mal digerite. Sul banco degli imputati sedevano Vilma Beccaria, presidente del consiglio comunale di Giaveno e Sandro Plano sindaco di Susa. Dai ... Continua a leggere »

13 settembre, Melendugno – GODIIMENTI – Come inceppare la Grande Opera e vivere felici.

Goodimenti-FLYER-web1 2

Si chiama Abbecedario di resistenza alle “Grandi Opere Inutili e Imposte”. È il frutto di sei mesi di lavoro condotto da Wu Ming 2 insieme agli attivisti di numerosi comitati che si battono contro la realizzazione di grandi opere infrastrutturali destinate a impoverire, devastare e opprimere ampie fette del nostro territorio nazionale. In particolare al laboratorio di scrittura collettiva, nato da un’idea dell’associazione Re:Common, hanno ... Continua a leggere »

Scroll To Top