lunedì, ottobre 23, 2017
Ultime notizie
Home » News » Grazie Ivan
Grazie Ivan

Grazie Ivan

Conobbi Ivan molto tempo fa, alla fine degli anni ’80, quando ero consigliere comunale a Torino e cominciavano ad emergere i problemi connessi con le linee ad alta velocità italiane in generale, e con la Torino-Lione in particolare. Avevo sentito parlare di questo ingegnere espertissimo di appalti e di opere pubbliche, che, all’interno di organismi istituzionali o che operavano per le istituzioni, esprimeva, senza tentennamenti, critiche assolutamente professionali riguardo alle grandi opere e al modo in cui venivano decise e gestite. Fu l’analisi critica del sistema dell’alta velocità che ci fece incontrare.

Ho rivisto Ivan per l’ultima volta nel luglio dell’anno scorso, in occasione di un incontro a Roma con l’Autorità Nazionale Anticorruzione, promosso e richiesto da Girolamo Dall’Olio per IDRA. Era lo stesso Ivan degli inizi, professionale, lucido e più che mai esperto. Ho imparato molte cose da lui nell’arco di una trentina d’anni di incontri e collaborazione; cose relative ai meccanismi burocratici, alle norme e ai trucchi e artifici più o meno legali messi in opera dai “mariuoli”, come spesso li chiama nei suoi scritti, per asservire l’interesse generale all’interesse particolare. Pensando a tutti questi anni mi ritorna l’immagine di una persona retta e competente, che sa molto bene quello che dice e che esprime lucidamente quanto sa, senza indulgere a slogan e luoghi comuni. Risaltano la coerenza e la razionalità, la capacità e determinazione di non subordinare la propria professionalità a interessi particolari di questo o quel gruppo.

Pensandoci mi viene in mente per contrasto, non tanto l’atteggiamento dei “mariuoli”, che tali sono e tali resteranno, ma il comportamento di così gran parte del resto del ceto politico intriso di opportunismo e di cinismo. Rivedo l’immagine di chi opta scientemente per l’ignoranza, perché la conoscenza rischierebbe di intralciare scelte strumentali più o meno disastrose per la collettività. Oppure mi vengono in mente quei professionisti, che pure abbiamo incontrato o con cui abbiamo indirettamente avuto a che fare, i quali “attaccan l’asino dove vuole il padrone” per convenienza immediata propria e in spregio di ogni deontologia professionale.

Ivan è stato un esempio di schiena diritta e grande lucidità che sempre ha dato un contributo indispensabile alla comprensione di quanto ci avveniva intorno, per cercare di evitare sbagli deliberati che altri commettevano in danno del paese.

Grazie Ivan. Noi andremo avanti e continueremo ad avvalerci di quanto tu hai elaborato per noi. Sarà il nostro modo per testimoniarti la nostra stima ed il nostro affetto.

Angelo Tartaglia

Commenti chiusi.

Scroll To Top