venerdì, dicembre 15, 2017
Ultime notizie
Home » MadreTerra » Si può stare sia con Terra Madre che con le Grandi Opere Inutili?
Si può stare sia con Terra Madre che con le Grandi Opere Inutili?

Si può stare sia con Terra Madre che con le Grandi Opere Inutili?

Lettera aperta a Carlin Petrini, fondatore di Slow Food, a proposito della visita di Renzi a Torino

Caro Petrini,

ci giunge notizia che l’attuale presidente del Consiglio, giovedì 23 verrà a Torino per inaugurare Terra Madre e poi si recherà al cantiere di Chiomonte dove si sta lavorando per realizzare il collegamento ferroviario di alta velocità Torino – Lione.

Non si può che rimanere esterrefatti dinanzi a tanta impudenza. Da un lato partecipare ad un evento che celebra il rapporto dell’uomo con la sua terra e dall’altro benedire l’espropriazione dell’uomo dalla propria terra. Per un’opera che tutti, e Renzi tra questi, sanno perfettamente inutile.

Coerenza vorrebbe che Renzi scegliesse da che parte stare. Se dalla parte dei contadini e di chi ama la propria terra o dalla parte del cemento che questa terra elimina per sempre.

Del resto, Lei, Petrini, è ben conscio di ciò, essendosi schierato contro quell’abominevole parto dell’attuale governo che è il decreto “Sblocca Italia”, nei cui confronti ha avuto giustamente parole dure nell’istant book “Rottama Italia” edito da Altreconomia, in cui si sottolinea come questo governo acceleri sul piede della distruzione del territorio come e più di altri governi che l’hanno preceduto. Altro che conservazione del territorio e di chi lo abita!

Grati, se Lei vorrà farsi portavoce consapevole di queste nostre considerazioni.

Fabio Balocco, Alessio Ariotto, ………………..

Commenti chiusi.

Scroll To Top