Stai consultando l'archivio di Macerie del mese di Agosto, 2014.

Ultime Notizie

Alcune considerazioni sulla manifestazione del 15 dicembre a Vicenza

macerie @ Dicembre 26, 2007

Dal semplice assembramento di forze in un punto determinato, può derivare la possibilità di un combattimento: ma non sempre esso avviene realmente. Deve pertanto questa possibilità considerarsi come una realtà, al pari di un fatto realmente avvenuto? Riteniamo di sì: la realtà è insita nelle conseguenze: le quali, di qualunque natura esse siano, non potranno […]

Continua a pag. 365

I nomi

macerie @ Dicembre 20, 2007

La prossima volta che soggiornerete alle Vallette guardatevi da Matteo Lionetti, Massimiliano Firpo e Alberto La Diana, tre guardie carcerarie responsabili del pestaggio di un detenuto durante un trasferimento nel 2004. Niente di nuovo, un pestaggio in carcere. Però questa volta ci sono i nomi. Costoro, difatti, hanno esagerato, tanto da farsi condannare in tribunale. […]

Continua a pag. 2615

Condannati gli occupanti della Croce Rossa

macerie @ Dicembre 19, 2007

19 dicembre. Si conclude il primo grado del processo contro i tre occupanti della Croce Rossa, che vengono condannati a 3 mesi di carcere ognuno per violenza privata ed occupazione, a fronte di una richiesta di 6 mesi da parte del pubblico ministero.

Continua a pag. 5905

Economia politica

macerie @ Dicembre 6, 2007

Un mulo, carico di sacchi e di bisacce, carico fino a schiantarsi. Dietro di lui il padrone che gli urla di muoversi. Ma lui sta lì, testardo e immobile.
Apprendiamo solo oggi che in Romania non ci sono più rumeni. O meglio, in Romania sono rimasti solo vecchi e bambini e la gente in età da […]

Continua a pag. 2415

Tre giorni tra solidarietà ai detenuti in lotta e antirazzismo

macerie @ Dicembre 3, 2007

C’è chi, da dentro, ha scelto l’arma dello sciopero della fame, autorganizzando una rete di solidarietà che investe il grigiore delle carceri di tutt’Italia. Sono più di 700 ergastolani e circa 8000 detenuti comuni e familiari.
C’è chi, da fuori, si vuole armare di fantasia per esprimere una solidarietà attiva, per contrastare questo delirio securitario, per […]

Continua a pag. 2565